EnglishGermanItalianRussian
Categoria
abitabili
centro storico
da ristrutturare
ristrutturati
ville e case speciali
Info
Come comprare casa in Italia
Spese per acquisto casa in Italia
Come arrivare nelle Marche
Bed & Breakfast in Italia
Casa colonica in Italia
Ristrutturare casa in Italia
Esempio di restauro
Ristrutturazione in bioedilizia
Costa Adriatica
Turismo nelle Marche
Vini marchigiani
Consigli per acquistare la casa in Italia
FAQ
Home: Immobili arrow Ristrutturare casa in Italia

Ristrutturare casa in Italia

Una casa colonica rappresenta il patrimonio italiano perciò la ristrutturazione di una casa in Italia richiede particolari attenzioni progettuali che devono tener conto delle caratteristiche architettoniche già presenti e tipologie rurali locali.

Per ristrutturare una casa in Italia dovete rispettare varie leggi:

-    il risparmio energetico, con la quale si definisce l’isolamento del fabbricato, le caratteristiche degli infissi e la costruzione degli impianti temici con predisposizione all’uso di fonti rinnovabili.
-    l’acustica definita in base alle fascie di rumore ed alla posizione del fabbricato;
-    la sismica:, che comporta una adattamento della costruzione alle normative sismiche in base alla fascia di sismica in cui ricade il fabbricato; di fatto interessa le strutture portanti.
-    Il rispetto della tradizione architettonica originaria; di fatto il consenso viene espresso dalla commisione edilizia che valuta l’aspetto architettonico in base alle leggi regionali e quelle locali.

Rispetto della tradizione architettonica

Un intervento di ristrutturazione di una tipica casa colonica marchigiana richiede grande attenzione ad ogni minimo dettaglio.

 Ristrutturare casa in Italia - architrave esterna  Ristrutturare casa in Italia - camino  Ristrutturare casa in Italia - travi a vista e pianelle

Le caratteristiche architettoniche tipiche che vanno mantenute sia nel rispetto delle leggi che della tradizione marchigiana sono le seguenti:
•    I cornicioni e le ventaglie, ovvero l’attacco del tetto che valorizza un dettaglio costruttivo tipico.
•    Tetto con travi a vista e pianelle di recupero o provenienti dallo smontaggio o da  edifici simili della zona.
•    Solai con travi a vista e pianelle nell'intervento di ristrutturazione anche nel rifacimento dei solai si utilizza lo schema costruttivo tipico della casa colonica marchigiana.
•    Architravi esterni o “piattabande”, realizzati con mattoni di recupero e secondo la tradizione architettonica, costituiscono un altro elemento che caratterizza l'alta qualità di ristrutturazione della casa colonica.
•    Comignolo si realizza secondo tradizione con il prolungamento della canna fumaria. Il cappello si costituisce da coppi disposti secondo l’usanza locale.
•    Pavimento tradizionale è in cotto o in pianelle di ricupero.
•    Infissi esterni, rigorasamente in legno dotate sull’anta interna di sportelli oscuranti e sovente all’esterno con persiane o sportelloni.
•    Murature esterne, vanno trattate in base alla tipologia; i fabbricati marchigiani sono prevalentemente rifiniti a vista o in mattoni di laterizio o in pietra arenaria locale; la tipologia deriva dalle zone in cui si ristruttura ed in base ai materiali locali disponibili al momento della costruzione; nelle zone montane rocciose prevale la pietra arenaria mentre nelle valli argillose e verso il mare prevale il mattone.
Sovente i fabbricati sono intonacati a calce con colori come definiti dai regolamenti locali; il colore infatti va scelto in accordo con il comune in base ad usa serie di colori prestabilita.  

Per ciò che rigurda i lavori strutturali per il recupero e necessario tenere conto delle caratteristiche sopra descritte utilizzando parte del materiale di recupero ed in parte materiale nuovo, sia per recuperare le murature che i solai.

Le fondazioni della casa colonica sono spesso superficiali e risentono dell’umidità esterna dovuta al contatto con il terreno; è necessario realizzare opere di deumidificazione mediante lo scavo dei locali al piano terra e la creazione di un solaio areato tramite soli in latero cemento o in granchi di plastica; è necessario arieggiare lo spazio tra terreno e solio; è buona norma la realizzazione di marciapiedi esterni che impediscono ristagni d’acqua intorno alle murature.

Inoltre spesso il pianoterra è un deposito o stalla. Per trasformarlo in abitazione occorre avere almeno un’altezza utile di 2,70 perciò se l’altezza è minore occorre scavare ulteriormente sotto terra.

Il recupero di un fabbricato va studiato attentamente e l’intervento deve essere proporzionato allo stato di conservazione; è consigliabile se possibile, non demolire parzialmente o interamente un edificio per poi rifarlo, sia dal punto di vista architettonico perché perde tutto il suo fascino, sia dal punto di vista economico perché le murature sono spesso buone anche se all’apparenza non lo sembrano.

Fasi necessarie per la ristrutturazione di una casa in Italia:

Per ristrutturare una casa in Italia è obbligatorio consultare un tecnico, sia per ciò che concerne le souzioni tecniche da adottare, e affrontare l’iter burocratico.

1) progetto da realizzare con un preventivo dei costi.

2) preparazione dei permessi da presentare al Comune.

3) progetti esecutivi, più dettagliati con indicazione dei materiali, delle finiture e dei colori con un

4) elenco delle opere da realizzare e dei materiali da acquistare; il prezzo, i tempi d’esecuzione, le referenze (contratto d’appalto).

5) una volta che si è deciso il progetto definitivo, si sono ottenuti i permessi ed è stata scelta un’impresa edile, si può cominciare i seguenti lavori:
•    Opere murarie necessarie al rinforzo strutturale dei solai e delle murature portanti, la suddivisione degli spazi per configurare l’abitazione in base al progetto architettonico.
•    Impianto elettrico: interno ed esterno, tradizionale o domotico.
•    Impianto idraulico per bagni, cucina, lavanderia ed eventuali spazi esterni.
•    Impianto termico e l’istallazione di fonti rinnovabili necessari all’apporto energetico alla casa.
•    Pavimenti con i rivestimenti: per impostare le scelte di stile della casa.
•    Infissi: esterni ed interni, dalle finestre alle porte.
•    Montaggio dei bagni e delle atrrezzature tecniche.
•    Opere di finitura finali, quali tinteggiature e stuccature.

6) terminate le opere bisogna richiedere l’abitabilità al comune, produrre le certificazioni degli impianti ed accatastare il fabbricato come da risultato finale.
 

 

Home
BrickStone snc - P.IVA: 02383710429 - Via Ariosto, 65 Moie di Maiolati Spontini (AN) 60030 Italy
Tel: +39 349 1678676 (Tatiana), e-mail: info@brickstone.it