EnglishGermanItalianRussian
Categoria
abitabili
centro storico
da ristrutturare
ristrutturati
ville e case speciali
Info
Come comprare casa in Italia
Spese per acquisto casa in Italia
Come arrivare nelle Marche
Bed & Breakfast in Italia
Casa colonica in Italia
Ristrutturare casa in Italia
Esempio di restauro
Ristrutturazione in bioedilizia
Costa Adriatica
Turismo nelle Marche
Vini marchigiani
Consigli per acquistare la casa in Italia
FAQ
Home: Immobili arrow Spese per acquisto casa in Italia

Spese per acquisto casa in Italia

1) Le commissioni per l'agenzia
Per quanto riguarda le provvigioni a carico dell'acquirente, la maggior parte delle agenzie immobiliari chiede il 3-5 % del valore della casa acquistata.
Allo stesso modo l'agente chiederà al venditore una commissione che può variare dal 3 a 5 % del prezzo dell'immobile stesso. Note: la provvigione non è fissata dalla legge a livello nazionale, bensì può essere determinata dal libero accordo delle parti.

2) Le spese per l'atto e le imposte
Le spese per l’atto di compravendita (rogito notarile) sono a carico dell’acquirente. Quando si acquista una casa, l’acquirente è tenuto, inoltre, al pagamento dell’imposta di registro, o alternativamente dell’Iva, delle imposte ipotecaria e catastale, che vengono calcolate sul prezzo di vendita, e a seconda della veste giuridica del venditore.

Costi per acquisto PRIMA CASA da Privato:
2% Imposta di Registro (sul valore catastale)
50 € Imposta catastale
50 € Imposta ipotecaria

Costo d’acquisto da “Impresa costruttrice”o da impresa che ha ristrutturato l’immobile:
4% IVA (sul valore dichiarato in atto)
200 € Imposta di registro fissa
200 € Imposta catastale
200 € Imposta ipotecaria

Costi per acquisto da privato “seconda casa”:
9% Imposta di registro (sul valore catastale)
50 € Imposta Ipotecaria
50 € Imposta Catastale

Costi per acquisto da Impresa costruttrice “seconda casa”:
10% o 22% (se il fabbricato è di lusso) IVA (sul valore dichiarato in atto)
200 € Imposta di registro fissa
200 € Imposta catastale
200 € Imposta ipotecaria

Acquisto di terreno agricolo e relative pertinenze
12 % (registro) + 50,00 (ipotecaria) + 50,00 (catastale)
 
*  Nei casi di cui l'imposta dovesse risultare di un importo di inferiore ad euro 1.000,00 tale imposta sarà comunque dovuta nella misura di 1.000,00 €.
 
3) Onorario notarile
Il provvedimento contenente la "Determinazione della tariffa degli onorari, dei diritti, delle indennità e dei compensi spettanti ai notai" è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 292, 17 dicembre 2001, Serie Generale.

Attenzione: in relazione all’agevolazione per l’acquisto delle prima casa.
La parte acquirente deve dichiarare di essere residente nel comune dove l’immobile è acquistato ovvero si deve impegnare a trasferirvi la residenza entro 18 mesi. L’immobile non deve avere caratteristiche di lusso.
La parte acquirente non deve avere né la proprietà in quota o anche l’usufrutto di un immobile a destinazione abitativa nello stesso comune dove sta comprando l’immobile in oggetto né avere la piena proprietà in qualsiasi comune italiano di un’abitazione che sia stata acquistata beneficiando delle agevolazioni in questione.
Le agevolazioni per l’acquisto della prima casa esistono dal 1982 ( l. 22 aprile 1982 . 168) per l’acquisto dei beni dai privati e dal 1993 per l’acquisto dei beni dalle società immobiliari e dai costruttori (D.L. 22 maggio 1993 n. 155).
L’agevolazione per l’acquisto della prima casa prevede un obbligo: non vendere la proprietà per 5 anni dalla data di acquisto.
Ove si venda la casa acquistata con le agevolazioni, si è soggetti al pagamento di una sovrattassa del 30% sulle tasse pagate e al pagamento della differenza tra il 2% e il 10% (imposta dovuta senza le agevolazioni) nonché gli interessi. In virtù del fatto che è impossibile stabilire con certezza se e quando avverrà l’accertamento della decadenza dall’agevolazione prima casa e sarebbe quindi difficile calcolare a priori l’importo delle sanzioni da pagare (a causa degli interessi di mora), è bene tenere in considerazione che l’importo da pagare potrebbe arrivare ad essere pari a quattro/cinque volte l’importo pagato al momento del rogito.
Per evitare di decadere dall’agevolazione, oltre a non vendere per 5 anni, vi è un’alternativa: ricomprare entro un anno dall’avvenuta vendita una nuova prima casa. Questo scoraggia la vendita per poi andare in affitto.

Le spese del proprietario:

PAGAMENTO DELL'IMU
Il compratore deve pagare l'IMU per tutti i mesi di possesso nell'anno. Il mese è computato per intero in capo al soggetto che ha posseduto per più di 14 giorni. L'IMU deve essere versata in due rate che normalmente scadono il 30 giugno e il 20 dicembre. Controllare le scadenze che saranno fissate.

TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI URBANI. Rivolgersi al Comune per la comunicazione ai fini della tassa in oggetto.
 

Home
BrickStone snc - P.IVA: 02383710429 - Via Ariosto, 65 Moie di Maiolati Spontini (AN) 60030 Italy
Tel: +39 349 1678676 (Tatiana), e-mail: info@brickstone.it